Informazione

La caccia di aquile reali.

La caccia con  l’aquile reali è un’antica tradizione dei nomadi kirghisi, che ci venne in Asia centrale con l’invasione mongola nei secoli XII e XIII, quando una buona aquila reale e un cavallo veloce avevano lo stesso valore e conferivano al loro proprietario un’autorità notevole

A quel tempo, la gente cacciava con le aquile reali, era una tradizione di famiglia. Ora nel mondo moderno questa tradizione si è gradualmente trasformata in un hobby.

Il cacciatore con le aquile reali si chiama “Berkutchi” e l’uccello “Aquila reale”. Una coppia esperta di un Berkutchi (cacciatore) e un uccello, durante la stagione normale  di quattro mesi, che inizia in ritardo autunno può catturare in media 50 o 60 volpi, una dozzina di tassi, un paio di lince e 4-5 lupi.

Addestrare le aquile reali è un lavoro lungo e scrupoloso. Ci sono 2 modi per catturare un uccello: il primo – un cacciatore cattura un’aquila reale di un anno con una trappola; il secondo – il cacciatore prende un pulcino appena nato dal nido. Come dicono le aquile reali, il secondo metodo è più efficace, dal momento che una piccola aquila reale viene facilmente addestrata. Le aquile reali vengono addestrate per la caccia da 6 mesi a 1 anno. Durante l’allenamento, l’aquila reale usa la pelliccia di volpe, lupo o marmotta. Il cacciatore dice le chiamate con il nome di ogni aquila reale e canta loro canzoni speciali in modo che l’uccello possa abituarsi alla sua voce. I Berkutchi sono veri esperti nell’addestramento degli uccelli per la caccia. Insegnano persino agli uccelli, uccidendo la preda per lasciare tracce appena visibili sulla loro pelliccia.

Al di fuori della caccia, l’aquila reale indossa un cappello speciale chiamato “tomaga” in modo che l’uccello possa sedere tranquillamente e possa vedere la preda.

Dopo un lungo allenamento, l’aquila reale, il cavallo e il cane da caccia kirghiso Taigan, che e’ come l’aquila reale, sono addestrati a cacciare, scendono in profondità nelle montagne per cacciare lepri, volpi, lupi o marmotte. Quasi sempre la caccia ha il successo. Durante la caccia, Berkutchi lascia il suo uccello in cima alla montagna. E lui, insieme a Taigan, scende per spaventare gli animali che, dopo aver sentito la voce sonora di un’aquila reale, si sono nascosti tra i cespugli. Nonostante il fatto che l’uccello abbia una vista acuta, non può vedere la preda fino a quando non inizia muoversi. Dopo aver catturato la preda, l’aquila reale lo strangola con i suoi artigli affilati e attende che il proprietario si avvicini. Berkutchi dà al suo uccello la carne fresca che ha preparato per la caccia. Quindi l’aquila reale rilascia la sua preda in modo che il padrone possa raccogliere la pelliccia della preda e l’uccello a sua volta ottiene il suo pezzo di carne.

Dopo 10-15 anni, il proprietario rilascia il suo uccello in alto sulle montagne, dove quella costruisce un nido, depone le uova e fa schiudere i pulcini.

Arrivando in Kirghizistan avrai un’opportunità esclusiva di vedere una vera caccia  con i propri occhi e persino scattare una foto con un’aquila reale.

Fatti interessanti sull’aquila reale:

  • L’aquila reale ha una vista eccellente. Possa vedere la preda a una distanza di 4 km. Le aquile reali hanno una visione a colori che è molto raro nel mondo animale.
  • Per la caccia, i cacciatore prendono  e addestrano un’aquila reale femmina, poiché è più agile e più forte.Le aquile reali sono molto fedeli, con un partner vive tutta la vita
  • La sua velocità può raggiungere I  320 km / h
  • Le aquile reali possono distinguere le voci. Quando cacciano, riconoscono la voce del proprio padrone tra gli altri cacciatori.
  • L’aquila reale ha artigli molto lunghi e affilati con cui si aggrappa alla preda e strangola. E con la zampa destra, riesce a sentire il battito del cuore della preda.